logotype

Infos zu den Details der neuen Datenschutzverordnung folgen. Wir danken für Ihr Verständnis.

Grundtvig: imparare l'economia solidale in modo efficace - temi, tesi, strumenti

I partecipanti durante un incontro in Alto Adige


A settembre è terminato il partenariato “Grundtvig” al quale l’oew ha partecipato insieme ad organizzazioni provenienti dalla Germania, dall’Austria, dalla Repubblica Ceca e dal Belgio. Il progetto dimostra le opportunità di un’economia basata sulla solidarietà per migliorare la qualità di vita dei cittadini e per una società più attiva. Inoltre rivela l’importanza dell’educazione degli adulti per questo scopo.
L’economia basata sulla solidarietà è un termine collettivo per tanti prototipi diversi e iniziative per formare strutture economiche e processi che si orientano al benessere solidale e pubblico. Si orientano ai valori europei come dignità dell’uomo, confidenza, cooperazione, aiuto mutuale e auto-iniziative. Per i cittadini offrono la possibilità di formare il loro ambiente in maniera attiva e solidale. Per fare questo hanno bisogno di competenze sociali e civiche, le quali possono essere rafforzate e migliorate grazie all’educazione degli adulti.
Per questo scopo verranno identificati e raccolti, paragonati e migliorati metodi e strumenti, argomenti e contenuti, concetti didattici ed esempi “good praxis” riguardo all’economia solidale.

I risultati di questa ricerca sono stati raccolti in una presentazione “Prezi”. Li potete trovare cliccando qui.
Il progetto è stato finanziato con il sostegno della Commissione europea.

Tutti i risultati del partenariato li trovate qui

  18 aprile 2016

 

L’Alto Adige indossa una XXXL

oew e la Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige richiamano l’attenzione altoatesina sulle violazioni nell’ambito della produzione mondiale di vestiti attraverso delle magliette enormi

 

In totale 80 magliette gigantesche sono appese oggi sui pali della luce e sulle aste delle bandiere di 35 Comuni altoatesini. Sulle etichette sono stampate storie che riflettono esattamente o molto verosimilmente la vita quotidiana di persone impegnate nella produzione di vestiti: si tratta di bambini sfruttati, di papà uccisi dai pesticidi e di mamme sottopagate. L’oew-Organizzazione per un Mondo Solidale e la Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige richiamano perciò l’attenzione sulle violazioni nell’ambito della produzione mondiale di capi d’abbigliamento. La settimana di azione si protrae fino al 24 aprile, giorno celebrato nel mondo intero come Fashion-Revolution-Day. Domenica 24, per la terza volta, ricorre l’anniversario del crollo della fabbrica tessile Rana Plaza in Bangladesch: allora morirono 1.100 persone e fino a questo momento, ciò è considerato il più grave incidente nella storia mondiale della produzione di vestiti.

 

 „ Le etichette non raccontano tutta la storia! “, scrivono l‘oew e la Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige sulle 80 magliette gigantesche che sono appese da oggi in molte piazze altoatesine come segno commemorativo. Le due organizzazioni vogliono in questo modo segnalare le violazioni che avvengono nell’ambito della produzione di vestiti. I brevi racconti stampati sulle etichette raccontano di persone sfruttate – soprattutto in Asia – per la produzione di capi d’abbigliamento. S’intende per esempio: „ Mi chiamo Behnly. Ho cucito questa maglietta. Ho 9 anni. Mi alzo ogni mattina alle 5. E‘ buio quando arrivo in fabbrica. Lavoro per 13 ore. E‘ buio quando torno a casa. Guadagno meno di 1 euro al giorno. “

 

Il 24 aprile 2013 morirono disgraziatamente nella fabbrica tessile di Rana Plaza in Bangladesch più di 1.100 persone, più di 2.500 furono gravemente ferite. Sulle mura della fabbrica vi erano delle crepe e perciò, il 23 aprile, la polizia ne vietò l’accesso. Tuttavia, il giorno seguente, quando il capannone di sei piani crollò, erano presenti nell’edificio più di 3.000 operai/e tessili. Lavoravano per una paga media di 28 euro al mese. Nonostante ciò, ancora oggi la sicurezza negli edifici del Bangladesch non è garantita, afferma Verena Gschnell,

Referente per l’educazione presso l’oew. Il complesso edilizio di Rana Plaza sarebbe stato collaudato solamente per due piani. “Finora, i complessi industriali sono controllati in maniera insufficiente” spiega Gschnell, ulteriori incidenti sarebbero perciò programmati. Attualmente, per quanto riguarda la cucitura, il primato si è spostato dalla Cina alla volta del Bangladesch, anche se in termini assoluti è sempre la Cina a produrre la maggioranza di capi d’abbigliamento. Tuttavia, mentre in Cina i salari aumentano, in Bangladesch sorgono sempre più spesso capannoni industriali illegali. Il salario medio di una cucitrice in Bangladesch ammonta oggi a 50 euro mensili, più di quanto fosse al tempo della disgrazia di Rana Plaza. Però questa somma è solo il 19 percento del salario minimo dello stato: esso ammonta a 259 euro. Brigitte Gritsch della Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige spiega: „ Poiché i salari sono così bassi e i prezzi vengono ribassati così tanto da parte degli importatori europei, si fa spesso ricorso ai bambini nell’ambito della produzione tessile. ”

 

Malgrado una giornata lavorativa che dura dalle dodici alle quattordici ore, un/a cucitore/cucitrice guadagna solamente una piccolissima parte del prezzo di vendita europeo: nemmeno l’un percento. Se gli operai lavorano troppo lentamente, vengono licenziati da un giorno all’altro. La pressione lavorativa è enorme: chi non consegna in tempo, perde l’incarico. Ciò può significare una tempestiva rovina per la fabbrica. Perciò, gli operai vengono trattenuti a lavorare ulteriormente: spesso senza paga.

 

Mediante lo stipendio ricevuto per la coltivazione del cotone, le cui colure coincidono globalmente nel mondo con la supercifice dell’Italia, i/le lavoratori/lavoratrici possono solamente vivere a malapena. Nella produzione del cotone, più che per ogni altra pianta nel mondo, vengono impiegati un quinto di tutti gli insetticidi utilizzati globalmente e undici percento di tutti i pesticidi.

Verena Gschnell di oew spiega: “Per la coltivazione mondiale di cotone si utilizza tanta acqua quanta ne consumano tutte le famiglie della terra messe assieme. “

 

Anche i colori della stoffa fanno la loro parte: si tinge in quei paesi dove le condizioni sanitarie e ambientali sono scarse, come per esempio in Cina e Tunisia. Brigitte Gritsch della Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige afferma: „Due terzi dei fiumi e dei laghi cinesi sono inquinati. Sostanze velenose provenienti dalle fabbriche, spesso in maniera non chiara, defluiscono nelle acque e vengono successivamente riutilizzate come acqua potabile oppure nella produzione dei cibi.“ Queste sostanze inquinanti sarebbero sempre più spesso documentabili tra gli animali e gli esseri umani. Da questi fiumi inquinati, milioni di persone ottengono acqua potabile, pescano e coltivano. Le sostanze chimiche che si trovano nelle combinazioni di colori provocano il cancro e sconvolgono il sistema ormonale.

 

oew e le Botteghe del Mondo presentano delle alternative che stanno ricevendo sempre più attenzione anche in Alto Adige. Verena Gschnell e Brigitte Gritsch si sono informate in tutto il territorio: esistono una serie di negozi di abiti usati, attività che distribuiscono vestiti equo solidali e capi d’abbigliamento prodotti interamente a livello locale. Gschnell è perciò convinta che: „ L’Alto Adige si sta muovendo in una direzione sempre più equa, anche se al momento si tratta ancora di un mercato di nicchia. “ L’oew intende rendere queste alternative accessibili all’intera popolazione e ha perciò realizzato una carta geografica interattiva. Questa è disponibile al sito www.oew.org.

 

 

 

Artigianato creativo a Ovest dell’India: un esempio di vestito equo

 

Tra tutte le notizie negative, Brigitte Gritsch della Rete delle Botteghe del Mondo dell’Alto Adige vuole portare alla luce un esempio positivo: „Una delle sette storie che sono scritte sulle t-shirt XXXL finisce bene. È la storia di Mahadevi che lavora da Creative Handicrafts“, afferma. Brigitte Gritsch ha fatto parte per due anni della Fair Trade Organisation „Creative Handicrafts“ a Mumbai, presso la capitale dello stato Maharashtra nell’India Occidentale, la più importante città portuale del subcontinente indiano. „Le donne più svantaggiate delle baraccopoli di Mumbai hanno la possibilità di organizzarsi da sole il lavoro. Possono cucire direttamente da casa e successivamente consegnare il prodotto entro i termini stabiliti a Creative Handicrafts.“ Questa cooperativa paga un salario equo e garantisce loro il posto di lavoro. C’è dunque un’alternativa. „Per ogni nuovo acquisto, i/le compratori/compratrici hanno la possibilità di decidersi o per dei salari equi oppure per lo sfruttamento”.

 

 

####

 

 

L’Ufficio di affari di gabinetto finanzia le campagne d’azione dell’intera Fashion Revolution in Alto Adige.

 

Stampa

 

Logo oew in formato  PDF (colore) | JPG (colore)JPG (bn)

 

Uno sguardo indietro

Negli ultimi anni l'oew ha realizzato diverse manifestazioni e piccoli progetti. Qui è possibile vedere un resoconto dei progetti portati avanti fino ad oggi.

Volontariato, un impegno utile e intelligente


Volontariato e tirocinio presso l'oew

Essere volontari significa collaborare in modo responsabile agli obiettivi dell'oew, così da conoscere il modo di lavorare dell'organizzazione.

Per entrare nel mondo del lavoro è richiesta un'esperienza sempre maggiore. Un periodo di attività pratica nell'oew può essere di grande importanza per i giovani durante o terminati i loro studi. Facendo un tirocinio presso la nostra organizzazione infatti, non solo si fanno esperienze lavorative concrete, ma si facilita anche il proprio orientamento professionale capendo i propri obiettivi e punti di forza.
L'oew offre ai giovani l'opportunità di collaborare soprattutto nei seguenti ambiti: attività di formazione, Biblioteca "Un Mondo", redazione degli opuscoli mensili, attività di consulenza.
Presso l'oew è anche possibile svolgere il servizio civile.
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono 0472 208 204


I Gruppi di lavoro

Vieni, partecipa!

I numerosi gruppi di lavoro sono il cuore dell'oew. Grazie alla collaborazione di più di 50 volontari, riusciamo a far conoscere il nostro lavoro ad un ampio pubblico e quindi a continuare a sviluppare i temi che più ci stanno a cuore. 

I gruppi di lavoro offrono spazio alla creatività, allo scambio e alla discussione e rappresentano un forum aperto a tutti gli interessati. Ci fa sempre grande piacere quando qualcuno ci da una mano. Se ti và di partecipare a un gruppo di lavoro, scrivi a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o mettiti in contatto con uno dei responsabili.

GL Biblioteca

Questo gruppo di lavoro è nato allo scopo di far conoscere la nostra biblioteca e la sua attività ad un pubblico il più vasto possibile. Il gruppo si occupa dell'organizzazione di letture e giochi letterari, del contatto con scuole materne, elementari, medie e superiori e di altre attività volte ad incentivare la lettura.
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL Formazione

L'incarico viene dal seminario chiuso, durante il quale vengono fissati gli obiettivi annuali e definito l'ambito del lavoro di formazione.
L'obiettivo è quello di realizzare un programma di formazione che si adatti alle necessità dei gruppi destinatari. Ciò permette di mantenere attivo l'operato dei gruppi oew intorno ai temi dell'incontro interculturale, della globalizzazione, dell'impegno per la pace, del consumo critico, del commercio equo e dei diritti umani e di trovare nuove persone interessate alla tematica nord-sud. Il lavoro è molto appassionante, ma non privo di sfide e quindi ogni nuovo stimolo ed ogni nuova proposta sono sempre ben accetti!
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL Filmfestival

Tutti gli anni in autunno l'oew organizza un filmfestival per le scuole superiori e professionali dell'Alto Adige. Nell'arco di una settimana vengono proiettati cinque film in vari centri culturali o giovanili, come ad esempio il Forum a Bressanone. I film sono legati tra loro da un tema comune che viene scelto ogni anno e che sarà materia di discussione in classe assieme ad alcuni esperti del settore. Gli insegnanti ricevono materiale didattico e schede tecniche dei film.
Il festival viene organizzato da un gruppo di lavoro di sei persone. Vengono scelti il tema, i film adatti e gli esperti per le discussioni e si definiscono i dettagli organizzativi. Ogni membro del gruppo è responsabile di un film, si occupa del materiale didattico corredato da note bibliografiche e discute con gli esperti dei contenuti e dello svolgimento didattico.
Il film scelto dalla giuria come vincitore viene proiettato l'ultimo giorno del festival e solitamente è aperto a tutti gli interessati. Della pubblicità, della premiazione e del buffet conclusivo si occupa l'intero gruppo di lavoro.
Chi fosse interessato a partecipare a questo gruppo di lavoro può rivolgersi a Monika Thaler. Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL Gestione finanziaria 

È un errore pensare che la gestione finanziaria si occupi solamente di cifre, dati e denaro. Nelle riunioni del gruppo si elaborano strategie, si cercano nuovi canali di approvigionamento, si escogitano nuove azioni e si esaminano i punti di forza e i punti deboli dell'organizzazione. L'obiettivo del gruppo di lavoro è quello di garantire una gestione finanziaria solida e stabile.
Lo spettro delle attività dell'oew si è allargato a tal punto da rendere insufficienti le risorse pubbliche e private. È perciò compito del gruppo di lavoro per la gestione finanziaria il reperimento di sponsor, donatori e sostenitori che condividano gli obbiettivi dell'organizzazione e che intendano contribuire ad Un mondo solidale. Allo stesso tempo si cercherà di indirizzare il lavoro in maniera più efficiente possibile e comunque sempre secondo il principio del no-profit.
Attualmente il gruppo comprende con Bertram Nejedly, Lisi Grießmair, Alexander Nitz e Andreas Penn quattro soci onorari, a cui si aggiunge la direttrice Silvia Pitscheider. Lisi e Andreas formano l'anello di congiunzione con l'esecutivo dell'associazione, mentre a Silvia spetta il contatto con i collaboratori interni. Bertram e Alex infine rappresentano a tutt'oggi un grosso aiuto. Il gruppo si riunisce almeno una volta al mese.
Cerchiamo rinforzi! Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL Pubbliche Relazioni  

Il gruppo di lavoro per le pubbliche relazioni ha il compito di far conoscere l' oew e di raggiungere i media ad ogni ricorrenza necessaria, mettendo in primo piano le problematiche trattate di volta in volta, le informazioni ed i progetti. Lavorando con oggettività, progetti concreti e riferimenti all'Alto Adige, la oew vuole aumentare la sua presenza nei media e cercare la collaborazione con partner locali, regionali e nazionali per un'efficiente lavoro di pubbliche relazioni.
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL Progetti

I progetti di sviluppo nel Sud del Mondo rispondono a uno dei principali incarichi dell'oew. Solidarietà non è solamente una parola, ma azione concreta. Quest'azione si trova in diverse forme e noi sappiamo che molti gruppi, lavorando autonomamente e in maniera diversa, fanno solidarietà organizzando raccolte di denaro, mercatini delle pulci o semplicemente cucinando piatti e minestre. Da sottolineare è anche la pratica dell'autotassazione. Trovo fantastico che delle persone cedano regolarmente una certa percentuale del proprio reddito mensile al chi non ha la fortuna di vivere in pace e di godere di sufficiente benessere materiale e sicurezza. Ci sono però anche molti progetti di più vasta entità che non possono essere sostenuti con le sole risorse di un gruppo. Basti pensare alla costruzione delle reti idriche, all'ampliamento delle scuole, alla costruzione di stazioni mediche o alla ricerca di un tetto per i bambini di strada, tanto per citarne alcuni. I gruppi in contatto con la gente del Sud del mondo sono a conoscenza degli innumerevoli problemi da risolvere. Ogni anno la Giunta Provinciale mette a disposizione contributi per i progetti di sviluppo. In un'apposita commissione tecnica vengono esaminate e vagliate le richieste. Se un progetto risponde a tutti i criteri necessari può essere stanziata una somma fino al 70% del totale del progetto. Trattandosi di soldi pubblici si dovrà fare molta attenzione a un'accurata pianificazione dei progetti, a una meticolosa esecuzione degli stessi e a una veloce liquidazione. I progetti che, passando per l'oew, vengono inoltrati ogni anno sono sempre molti. Gruppi e singoli soci che intendono fare richiesta di contributi pubblici possono rivolgersi al nostro gruppo per una consulenza. Dopo un primo colloquio sarà possibile indirizzarvi a uno dei nostri sei esperti.
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

GL zebra

zebra. è il primo giornale di strada per l'Alto Adige e dal 2016 esce una volta al mese! Siamo sempre in cerca di scrittori, fotografi o illustratori.
Contatto: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo., telefono +39 0472 833950

 

 

Il consiglio direttivo dell'oew 

Il consiglio direttivo dell'oew è stato eletta dall’assemblea plenaria il 24 maggio 2018. Questa la sua composizione:

 

Sabrina Eberhöfer

È cresciuta in Val Venosta, ha viaggiato per il mondo, è stata spesso in Bolivia e dal 2013 è tornata a Lasa. Presso l’oew ha iniziato come cooperante nei progetti di solidarietà, ha prestato servizio civile e ha lavorato in sostituzione di maternità. È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2012.

Sabrina Eberhöfer

Thomas Dalsant

Ha studiato Relazioni internazionali a Forlì e ha fatto il master in “Globalisation Business and Sustainable Development” a Norwich, Inghilterra. Dal 2015 lavora nella distribuzione della BRIMI ed è residente a Lana. È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2016.

Thomas Dalsant

Magdalena Wild

Vive a Fortezza e si occupa di gestione del personale presso la ditta Loacker a Renon. Ha studiato scienze politiche a indirizzo internazionale a Forlì e ha conseguito un master in International Management. Ha svolto tirocini in Uganda per l’SOS-Kinderdorf, in Egitto per l’ONU e per l’oew. È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2012.

Magdalena Wild

Simon Hilpold

È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2018.

Simon Hilpold

Stefanie Unterthiner

È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2018.

Stefanie Unterthiner

Lukas Gschnitzer

È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2018.

Lukas Gschnitzer

Anna Heiss

È membro del consiglio direttivo dell'oew dal 2018.

Anna Heiss

 

Collaboratori e collaboratrici

  • Direzione
    Matthäus Kircher
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 204
  • Annelies Senoner Amministrazione
    Annelies Senoner
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 204
  • Monika ThalerCooperazione internazionale e tirocini all‘estero 
    Monika Thaler
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    0472 208 209
  • Verena GschnellConsumo consapevole
    Verena Gschnell
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 209
  • AdrianDiversità e convivenza
    Adrian Luncke
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 208
  • Karin HochrainerBiblioteca tematica
    Karin Hochrainer
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 833 950
    In congedo di maternità: Sonja Cimadom
  • Redazione zebra.
    Lisa Frei
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 207
  • Alessio GiordanoAssistenza venditori zebra.
    Alessio Giordano
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 205
    Cell. 334 1216413
  • Marta LarcherCollaborazione progetti
    Marta Larcher
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 205
  • Anna MayrComunicazione
    Anna Mayr
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 207
  • David FrötscherServizio civile
    David Frötscher
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 208 208
  • LuiseInfoteca 
    Luise Bacher
    Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
    Tel. 0472 833 950 

 

 

 

Soci e gruppi associati

L'oew cura attualmente sul territorio provinciale 42 gruppi, di cui 34 gruppi di autotassazione e associazioni per Un Mondo e 8 botteghe del Mondo. Oltre ai gruppi sono iscritti all'oew anche 170 soci individuali. Tutti possono diventare soci dell'oew, singoli, gruppi o associazioni. L'iscrizione a socio dell'oew è per noi non solo un sostegno morale, ma anche una valorizzazione dei nostri obiettivi. Se vuoi partecipare attivamente, possiamo indicarti diverse possibilità di collaborazione e azione in uno dei tanti progetti.

Per diventare socio puoi compilare il modulo presente sul sito oppure, se preferisci, contattarci telefonicamente.

Lista dei soci

Aiutare senza confini - Onlus Bolzano
Arbeitskreis "Eine Welt" / Urania Merano Lana
Arbeitskreis Weltkirche Eppan
Associazione "Aktiv-Hilfe für Kinder" San Leonardo in Passiria
Associazione Museo della Donna "Evelyn Ortner" Merano
Associazione Terzo Mondo di Latzfons Chiusa / Latzfons
Associazione Terzo Mondo di Prato Prato allo Stelvio
Associazione Terzo Mondo di Silandro Silandro
Biblioteca Culture del Mondo Bolzano
Bottega del Mondo "Le formiche" Bolzano
Bottega del Mondo di Bolzano Bolzano
Bottega del Mondo di Bressanone Bressanone
Bottega del Mondo di Laives Laives
Bottega del Mondo di Merano Merano
Bottega del Mondo di Tubre Tubre
Bottega del Mondo Twigga Brunico
Bottega del Mondo di Vipiteno Vipiteno
Ecol-Net - Associazione "Ecologia e lavoro" Bolzano
FIAN (Foodfirst Information Action Network) - Centro di coordinamento regionale Lagundo
Gruppo di solidarietà di Tubre Campo Tures
Grup Misciunar Fr. Xaver Marebbe / San Vigilio
Gruppo missionario Don Paolo Tonucci Merano
Gruppo missionario amici Kehancha Merano
Gruppo oew di Laces Malles
Gruppo Partnerschaft konkret Kaltern Caldaro
Himalayan Seeds Bressanone
Mission Solidarische Bewegung San Martino in Passiria
Oikokredit - Förderkreis Südtirol Merano
Plattform HdS Bressanone
Un mondo - gruppo Alta Pusteria Dobbiaco
Un mondo - gruppo di Bressanone Bressanone
Un mondo - gruppo di Castelrotto Castelrotto
Un mondo - gruppo GsiTaWe Val di Casies / Tesido
Un mondo - gruppo di Lagundo Lagundo
Un mondo - gruppo di Laion Laion
Un mondo - gruppo di Lana Lana
Un mondo - gruppo di Millan Bressanone
Un mondo - gruppo di Prati Vipiteno
Un mondo - gruppo di Rodengo Rodengo
Un mondo - gruppo di Tesimo Tesimo / Caprile
Un mondo - gruppo di Velturno Velturno
Weltgruppe KWJ (Katholische Werktätige Jugend) Bressanone

 

I nostri partner

ACLI Bressanone

Alexander Langer Stiftung

Amnesty International

Amt für Bibliothekswesen der Provinz Bozen

Amt für berufliche Weiterbildung der Provinz Bozen

Amt für Jugendarbeit der Provinz Bozen

Amt für Kabinettsangelegenheiten der Provinz Bozen

Amt für Luft und Lärm der Provinz Bozen

Annemarie Profanter

Arbeitsgemeinschaft Freiwilligentag

Arbeitsgemeinschaft Jugenddienste AGDJ

Arche im KVW

Associazione Don Paolo Tonucci

Asterisk - Asterisco

attac

Banca Etica

Berufsausbildung deutscher, ladinischer und italienischer Sprache

Biblioteca Culture del Mondo - Bibliothek Kulturen der Welt

Bilanci di Giustizia - Bilanzen der Gerechtigkeit

Caritas Diözese Bozen Brixen

Caritas Integrationshaus Innsbruck

Centro per la Pace - Zentrum für den Frieden Bozen

Circolo Arca - Arche Verein

Circolo La Comune

Comboni Missionshaus Milland

CTM - Cooperativa Terzo Mondo

Dachverband der Sozialverbände

Dachverband für Natur und Umweltschutz

Diözesancaritas Bozen Brixen Männerberatung

Donne Nissà - Frauen Nissà

Dritte/Eine Welt Gruppen und Weltläden Südtirols

Ecolnet

Eks&tra

Eltern Kind Zentren

Ethical Banking

Etica Mundi - Meran

FIAN - FoodFirst Information and Action Network

Filmclub Bozen

Filmschule Zelig

Fondazione Culturale Responsabilità Etica

Frauenhaus Bozen

Frauenmuseum Meran

Freie Universität Bozen

Freie Universität Bozen, Fakultät für Bildungswissenschaften

GAS - Gruppo di aquisto solidale Merano

Gemeinde Bozen

GfbV Gesellschaft für bedrohte Völker - Südtirol

Grund-, Mittel-, Ober- und Berufsschulen deutscher, ladinischer und italienischer Sprache

Haus der Solidarität Luis Lintner

Heimat Brixen Bressanone Persenon

Helios – Agentur für audiovisuelle Kommunikation - Brixen

Helfen Ohne Grenzen Onlus

Il Sole

Intersol - Verein zur Förderung Internationaler Solidarität

Jugendgruppe Aggregat Steinhaus

Jugendhaus Kassianeum Brixen

Jugendzentrum „Corto circuito“ - Regina Pacis, Bozen

Katholische Jungschar Südtirols

Katholische Südtiroler Frauenbewegung

Katholische Südtiroler Männerbewegung

Kooperative Mosaik

KVW Bildungsreferat

Landesbeobachtungsstelle zur Einwanderung

Lilliputnetz

Missionsamt der Diözese

Missionsorden

Nikolaus Cusanus Akademie

Öffentliche Bibliotheken Südtirols

Oikocredit

Operazione Colomba

Pfarrzentrum Maria in der Au

Plattform X

Porte aperte – Offene Türen

Pro Cultura Bressanone

Projektgruppe Globalisierung und Solidarität/Steinhaus

Stadtbibliothek Brixen

Südtiroler Ärzte für die Dritte Welt

Südtiroler Bauernbund

Südtiroler GärtnerInnung

Südtiroler Jugendring

Südtiroler Katholische Jugend

Südwind Agentur

Tangarà Societè

Umweltassessorat

Urania Meran

Verbraucherzentrale Südtirol

Verein GEA

Verein für Städtepartnerschaft Bruneck

Weltläden

Young Caritas

Zeitbanken Brixen und Meran

Donazioni

L'oew finanzia gran parte delle proprie attività attraverso le donazioni. Nel contempo gestisce le donazioni a favore di più di 40 progetti in Asia, Europa dell'est, Africa e America Latina.

Ci sono molti modi per sostenere l'oew e i suoi progetti: donazioni saltuarie o continuative, al posto di un regalo in occasioni diverse, manifestazioni di beneficienza, donazioni testamentarie e via dicendo.
Inoltre è possibile sostenere un progetto di solidarietà dell'oew oppure abbonarsi al giornale di strada zebra.

Essendo l'oew una onlus, un'organizzazione senza scopo di lucro, le donazioni si possono detrarre dalle imposte sui redditi.

5 permille
all'oew

Il 5 permille ci sostiene nella realizzazione di UN MONDO per tutti, nel quale ognuno possa vivere bene.

Offriamo progetti di educazione e formazione, proponiamo nuovi modi di vedere e ci impegniamo in diverse iniziative. Scriva il nostro codice fiscale nella Sua dichiarazione dei redditi e sosterrà la nostra "missione": 9000 98 30 218

La ringraziamo cordialmente!

 

Le nostre iniziative e manifestazioni

L'oew si impegna, con diversi metodi e offerte, a rispondere alle esigenze della nostra comunità, sia con progetti che si ripetono ogni anno che con offerte specifiche.

Le attività svolte negli ultimi anni sono il torneo interculturale Let's Play, le preparazioni per le visite di solidarietà, il giornale di strada zebra., le feste con scambio di vestiti, Hallo Ciao Maroc, la biblioteca vivente, mostre d'arte, la guida per nuovi cittadini, la Fair Trade Academy, il festival cinematografico e molto altre.

 

Il giornale di strada per l'Alto Adige


Sulle zebre vicino alla stazione, davanti al panificio, ai piedi del duomo – i venditori della oew invadono le strade della regione per distribuire “Zebra. Il giornale di strada per l’Alto Adige.“ Come in tante città europee, anche in Alto Adige il giornale di strada viene venduto da persone che attraversano momenti difficili. Si parte dai grandi centri come Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone fino a giungere anche nei paesi più piccoli. I venditori sono facilmente riconoscibili grazie a degli appositi tesserini e vendono i giornali a due Euro l'uno. Un Euro va nella produzione, l’altro rimane a chi li vende. La vendita dei giornali, infatti, non si configura come accattonaggio, anzi: rappresenta una piccola fonte di guadagno, offre ai venditori un primo accesso al mondo del lavoro e stimola il contatto con la gente.

“Zebra” promuove un modello economico innovativo nel panorama nostrano dell’informazione. Progetti simili come ad esempio lo “Zwanziger” in Tirolo del Nord o “Piazza Grande” a Bologna, hanno dimostrato che impegno sociale e giornalismo critico si sposano alla perfezione. La giovane e variopinta redazione di “Zebra”, composta maggiormente da volontari, affronta criticamente temi sociali in brevi articoli in italiano o in tedesco per informare su nuovi punti di vista, ma anche e soprattutto per intrattenere. Il tutto per offrire uno spaccato della convivenza in Alto Adige, tematizzare contesti globali e puntare a un nuovo pensiero sostenibile nella nostra società.

 

Che cos’è zebra.Support?

Da quasi quattro anni il giornale di strada zebra. si propone di aiutare molte di quelle persone con serie difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro, offrendo loro un’opportunità di guadagno e una piccola occupazione. Più di 60 donne e uomini, tra i 18 e i 66 anni, sono attualmente registrati come venditrici e venditori di zebra. Vengono dai luoghi più diversi: Nigeria, Romania, Marocco, Bangladesh, India, Liberia, Etiopia, Bulgaria, Burkina Faso, Germania, Guinea Bissau,  Iran, Italia, Moldavia, Pakistan, Somalia e Alto Adige. Sono riconoscibili grazie al loro tesserino e sono attivi giorno per giorno in tutta l’Alto Adige, dove vendono il nostro giornale al prezzo di 2 euro: un euro serve per la produzione, l’altro rimane a loro. Tra i venditori e le venditrici di zebra. sono in continuo aumento i rifugiati e i richiedenti asilo, ormai in netta maggioranza. Malgrado abbiano l’opportunità di guadagnare qualche soldo grazie alla vendita del giornale, si trovano tuttavia in uno stato di forte incertezza e precarietà esistenziale. Proprio per provare a risolvere situazioni di questo tipo è nata l’idea del progetto zebra.Support. L’obiettivo è offrire un aiuto ai venditori e alle venditrici in situazioni di emergenza attraverso misure concrete.

L’azione dell’oew verterà su livelli differenti e sono stati sviluppati tre “pacchetti“ attraverso i quali poter facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro locale: zebra.Help offre un aiuto semplice e veloce per chi si trova in una situazione di emergenza, zebra.Academy promuove la formazione e l’integrazione nel mondo del lavoro, e con zebra.Understandingsarà possibile creare una coscienza pubblica, informando la popolazione tramite campagne e workshop.

Donazioni:
Raiffeisenkasse Valle Isarco/Bressanone
Iban: IT 68 S 08307 58221 000300004707

Cassa di Risparmio Bressanone
Iban: IT 93 H060 4558 2200 0000 5004 219 

Causale bonifico: zebra.Support

 

Per scrivere 

Poco importano la tua età, la tua madrelingua o la tua provenienza... la nostra redazione accoglie tutti! Chiunque abbia voglia di collaborare al nostro giornale può inviarci un suo testo di prova o idee per un articolo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Attenzione però, la nostra redazione chiude un numero un mese prima della sua pubblicazione e gli articoli quindi vengono distribuiti con qualche settimana di anticipo. Se hai voglia di scrivere, noi siamo qui! 

 

Per vendere

I venditori del nostro giornale sono il volto della nostra organizzazione sulla strada. Chiunque voglia vendere il nostro giornale, può acquistarlo al prezzo di 1 euro e poi venderlo per tutta l'Alto Adige al costo di 2 euro.

I venditori dello zebra. sono sempre muniti di un documento, un tesserino, su cui il numero di registrazione deve essere ben visibile. Senza questo tesserino, non può essere venduto nessun giornale. Può capitare che insorgano problemi o fraintendimenti, una parola sbagliata al momento sbagliato e la vendita può non andare a buon fine. Situazioni del genere richiedono quindi pazienza, rispetto e comprensione. Nel caso ci fossero domande, critiche o commenti ci trovate sempre disponibili al confronto e all'ascolto. Il nostro collaboratore Alessio Giordano sarà a vostra disposizione al numero +39 334 1216413  o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per abbonarsi

Dal 2016 lo zebra. è diventato un giornale mensile (con eccezione delle doppie edizioni di luglio/agosto e dicembre/gennaio).
Ci si può abbonare e sostenere il giornale per la durata di un anno in qualità di Amico*a (30 euro) o di Promotore*trice (da 40 euro).
Per il pagamento, effettuate un bonifico sul nostro conto corrente:

IBAN: IT 68 S 08307 5821 000300004704  (Raiffeisenkasse Eisacktal - Valle Isarco)

IBAN: IT 93 H060 4558 2200 0000 5004 219 ( Südtiroler Sparkasse Brixen - Bressanone)

Causale : zebra.abo

Vi invitiamo inoltre ad inviare i vostri dati a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a chiamare il numero 0472833950 !

 

 

          Presidenza                      Team                      Volontoriato                    Soci

 

 

Come raggiungerci

 

Il nostro indirizzo:
"oew - Organizzazione per Un mondo solidale"
Via Vintler, 34
39042 Bressanone

Telefono: +39 0472 833950
Fax: +39 0472 838133

E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Dalla stazione ferroviaria di Bressanone si prende la viale Mozart in discesa verso Millan, si passa il ponte e alla rotonda successiva si gira a destra. Dopo 200 metri si svolta a sinistra, salendo fino alla Casa della Solidarietà dove si trova oew. 

 

Orario di apertura:

- da lunedì a venerdì dalle ore 9 alle 12.30 e
- lunedì e mercoledì anche dalle ore 15 alle 18

 

Diventare socio

Saremo lieti di accoglierle come nuovo socio dell'oew.

Diventare socia o socio dell'oew è molto facile: Se é interessato*a delle nostre iniziative o di far parte di una di queste, compila il modulo e mandarcelo via Mail, Posta o lo consegna personalmente. Vi contatteremo il presto possibile - per chiudere le formalitá necessarie!

Al modulo

 

Il sottoscritto si impegna a:

  • leggere e rispettare lo statuto dell'oew, quindi a dichiarare di condividerne gli scopi 
  • versare un contributo di 35,00 Euro

 

 

 

Privacy - Ai sensi dell’articolo 7 del D.Lgs. 196/2003 ed ai sensi del regolamento generale sulla protezione dei dati (UE 2016/679) – che inizierà ad avere efficacia il 25 maggio 2018 – informiamo che i dati personali raccolti a seguito dell'inoltro del presente modulo verranno trattati con e senza l'ausilio di mezzi elettronici e custoditi con la massima riservatezza. Detti dati saranno utilizzati solo per dare seguito alla richiesta. Il mancato consenso al trattamento dei dati contrassegnati quali obbligatori comporta l'impossibilità di dar seguito all'informativa commerciale richiesta. Il singolo utente può chiedere di ottenere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge nonché l'aggiornamento, la rettifica o, se vi è interesse, l'integrazione dei dati. Per poter esercitare i diritti previsti dall'articolo 7 del D.Lgs. 196/2003 si prega di rivolgersi per iscritto al: Responsabile Trattamento Dati Clientela - oew, Vintlerweg 34 - 39042 Brixen Milland oder Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Il “buen vivir” come obiettivo

L’oew, Organizzazione per Un mondo solidale,
è un’organizzazione non-profit e indipendente
con sede a Bressanone/Millan.
L’oew è nata per sostenere progetti di cooperazione
allo sviluppo nei paesi del Sud del mondo,
è attiva da oltre 25 anni e
il suo raggio d’azione è in continua crescita
con lo scopo principale che è rimasto invariato:

Condividere un mondo in cui tutti possano vivere bene.

 

 

 

Articolo 1 - Denominazione e orientamenti

L'organizzazione è denominata "oew - Organizzazione per Un mondo solidale" ed è quindi classificabile come organizzazione. Essa si definisce indipendente sia dal punto di vista politico che economico ed ha un orientamento cristiano. Essa non persegue fini di lucro, ma ha come unico ed esclusivo scopo la cooperazione comune con i paesi in via di sviluppo.

Articolo 2 - Obiettivi e ambito di azione

2.1 Obiettivi

L'organizzazione si pone come obiettivo quello di
2.1.1
soddisfare i bisogni primari delle popolazioni nei paesi in via di sviluppo e provvedere al loro autosostentamento tenendo conto delle risorse locali e perseguendo l'obiettivo di uno sviluppo autogestito;
2.1.2
promuovere progetti di sviluppo tramite la partecipazione attiva delle popolazioni interessate alla luce dei loro desideri ed interessi, capacità e possibilità ed in armonia con l'ambiente e con il contesto ecologico;
2.1.3
promuovere iniziative nell'ambito di attività comuni o scolastiche di formazione ed aggiornamento in materia di pace, di solidarietà internazionale, di diritti umani, nonché di sviluppo economico, sociale e culturale.

2.2 Provvedimenti

Al fine di raggiungere gli obiettivi sopraindicati l'organizzazione può adottare i seguenti provvedimenti:

2.2.1 Progetti

2.2.1.1 
Promozione di progetti nel settore agricolo e progetti concernenti l'autosostentamento di base della popolazione con prodotti locali e regionali;
2.2.1.2 
promozione di progetti di svilluppo che perseguano direttamente o indirettamente gli obiettivi di cui al punto 2.1, quali il rimboschimento, le coltivazioni ecologiche e la salvaguardia delle risorse primarie;
2.2.1.3 
promozione di progetti nei settori concernenti l'istruzione, la formazione professionale e l'artigianato alla luce delle conoscenze e capacità esistenti presso la popolazione interessata;
2.2.1.4 
partecipazione all'ampliamento del sistema sanitario e relative infrastrutture;
2.2.1.5 
promozione di progetti, prevalentemente in ambito cooperativistico, che favoriscano le iniziative imprenditoriali soprattutto delle piccole e medie aziende che approvigionano con i loro prodotti in primo luogo il mercato locale e regionale;
2.2.1.6 
promozione di progetti socialmente ed ecologicamente validi nel settore della produzione energetica, dell'industria e del turismo che offrano nella fase dell'istituzione e della gestione posti di lavoro e possibilità di qualificazione alla popolazione locale;
2.2.1.7 
Promozione di progetti specifici tendenti a migliorare la condizione dei lavoratori, delle donne e dei giovani;
2.2.1.8 
assistenza immediata libera da vincoli burocratici in caso di catastrofi naturali, in armonia con le normative vigenti.

Un progetto verrà considerato valido e verrà promosso se terrà conto delle esigenze della popolazione, con particolare attenzione alle sue ripercussioni sullo sviluppo economico e sociale, della elaborazione ed applicazione di conoscenze relative a tecnologie appropriate, nonché dell'arricchimento culturale delle popolazioni nei paesi in via di sviluppo.

2.2.2 Formazione ed impiego di volontari e cooperanti

Promozione della formazione di volontari e cooperanti attraverso corsi specialistici (corsi di lingua), seminari, aggiornamenti e così via, al fine di inviare ed attuare progetti nei paesi in via di sviluppo. L'organizzazione intende inoltre aiutare i volontari e cooperanti che tornano da un paese in via di sviluppo nel loro reinserimento ed in particolar modo nella ricerca di lavoro e di una abitazione; inoltre essa, concede loro per i primi tre mesi un aiuto economico pari allo stipendio percepito nell'ultimo mese come volontario o cooperante che comunque non è cumulabile con i contributi concessi per lo stesso motivo dal paese, stato o altra organizzazione promotrice. La concessione di questo aiuto può venire prolungata per un periodo equivalente in casi di particolare emergenza.

2.2.3 Programmi di informazione ed aggiornamento nei paesi in via di sviluppo

Promozione di programmi di formazione ed aggiornamento nei paesi in via di sviluppo a favore delle popolazioni locali, nell'ambito delle finalità di cui al punto 2.1.1 e 2.1.2. Promozione di programmi per scambi culturali e gemellaggi.

2.2.4 Attività di informazione ed istruzione sul tema del sottosviluppo

Attività informativa e di sensibilizzazione presso la popolazione altoatesina e sostegno di iniziative promosse dai media pubblici e privati, anche attraverso programmi scolastici e corsi di aggiornamento per insegnanti.
Al centro dell'attività informativa dovranno esserci:

  • la raccolta e Ia trasmissione di informazioni e materiali come per esempio il prestito di audiovisivi
  • contatti con politici, con l'intendenza scolastica e con altri gruppi o servizi di informazione
  • la redazione di comunicazioni stampa
  • un forte incoraggiamento a favore delle persone interessate
  • l'organizzazione di convegni, seminari di fine settimana e corsi di aggiornamento per evidenziare palesi contraddizioni nella nostra società industriale pregnata da materialismo e consumi

Al fine di attuare i provvedimenti previsti al punto 2.2, l'organizzazione può:

2.3

realizzare singoli progetti autoelaborati e partecipare ad altri progetti transsettoriali o integrati di altre organizzazioni per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo;

2.4

fare ricorso, per l'individuazione, elaborazione ed attuazione di un progetto, a organizzazioni non governative per la cooperazione con i paesi in via di sviluppo;

2.5

firmare delle convenzioni anche con organizzazioni non governative di altre province e regioni che inviano volontari e cooperanti, in particolar modo per quel che riguarda la formazione di questo personale;

2.6

istituire un servizio permanente di informazione che svolga le mansioni indicate al punto 2.2.4. L'organizzazione può intraprendere ed organizzare qualunque cosa essa ritenga utile e necessaria per raggiungere tali obiettivi.

Articolo 3 - Sede e durata

L'organizzazione ha sede a Bressanone, può istituire eventuali sedi secondarie in altre località della provincia ed ha una durata indeterminata. La sua attività inizia il 1 gennaio e termina il 31 dicembre di ogni anno.

Articolo 4 - Finanziamento

L'organizzazione si finanzia attraverso le seguenti fonti: contributi di partecipazione, contributi, offerte e sovvenzioni da parte di enti pubblici e privati, offerte volontarie provenienti da manifestazioni (esposizioni e così via), contributi alle spese, raccolta di oggetti, eredità, donazioni e legati. Eventuali utili residui non verranno ripartiti tra i soci, ma verranno riutilizzati l'anno successivo per il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

I contributi versati dai membri e le aquisizioni attuate con questi contributi e con eventuali altri mezzi finanziari rappresentano il capitale dell'organizzazione. Fintanto che sussiste l'organizzazione, i singoli membri non possono richiedere ne la suddivisione del patrimonio comune ne, in caso di recessione, la loro parte del patrimonio dell'organizzazione.

Articolo 5 - Adesione e collaborazione

5.1
Possono aderire all'organizzazione tutte le persone fisiche e le associazioni con o senza personalità giuridica che si riconoscono negli obiettivi di cui all'articolo 2 e che condividono i dettati contenuti nello statuto. Sull'ammissione all'organizzazione decide, previa domanda, in modo definitivo unicamente la presidenza. L'organizzazione è libera di ammettere o respingere qualsiasi domanda. In caso di non ammissione I'organizzazione non è tenuta a chiarire al richiedente i motivi della mancata ammissione.
5.2
Membri che danneggiano l'immagine dell'organizzazine possono essere esclusi dall'organizzazione con una decisione della presidenza. Contro un'eventuale esclusione è ammesso solo ricorso alla Corte arbitrale.
5.3
È possibile recedere da membro dell'organizzazione anche attraverso una dichiarazione scritta. In tal caso la recessione diventa immediatamente efficace. La presidenza può escludere i membri che non abbiano corrisposto per tre anni consecutivi la quota di partecipazione annuale.
5.4
I membri possono rivolgersi all'organizzazione per qualsiasi quesito concernente lo sviluppo, possono utilizzare con l'assenso della presidenza qualsiasi attrezzatura ed hanno diritto elettorale attivo e passivo.
5.5
I membri hanno l'obbligo di promuovere e sostenere gli interessi e gli obiettivi dell'organizzazione, di versare ogni anno la quota di partecipazione fissata annualmente dall'assemblea plenaria, oppure la quota di partecipazione può anche essere detratta dall'offerta annuale, e di osservare le decisioni degli organi dell'organizzazione; essi dovrebbero inoltre essere disponibili a collaborare alle manifestazioni.
5.6
Le iniziative, i programmi ed i progetti che vengono proposti alla presidenza dalle associazioni per la collaborazione con i paesi in via di sviluppo, devono essere sottoposte all'approvazione dell'organo competente. In caso di approvazione la loro attuazione verrà affidata preferibilmente all'associazione che ha presentato la proposta.
5.7
Incarichi, funzioni ed attività di qualsiasi genere, svolti da un membro a favore dell'organizzazione, sono sostanzialmente gratuite. Il rimborso delle spese sostenute da un membro nello svolgere un incarico affidatogli dall'organizzazione avviene su specifica, precedente richiesta e previa autorizzazione da parte della presidenza.
5.8
Al fine di raggiungere gli obiettivi preposti l'organizzazione può aderire ad enti pubblici o privati che si riconoscano negli stessi o in simili obiettivi. L'adesione dev'essere decisa dall'assemblea plenaria ed è da considerarsi approvata quando la proposta viene accolta da una maggioranza di due terzi dei voti validi.

Articolo 6 - Organi dell'organizzazione

Gli organi dell'organizzazione sono:

  • l'assemblea plenaria
  • la presidenza
  • il presidente
  • i revisori dei conti
  • la corte arbitrale

L'elezione degli organi dell'organizzazione avviene in base all'articolo 8 dello statuto. Gli organi eletti rimangono in carica per tre anni.

Articolo 7 - L'assemblea plenaria

7.1
L'assemblea plenaria è il massimo organo dell'organizzazione ed è composto da tutti i membri dell'organizzazione aventi diritto al voto. Hanno diritto al voto tutti i membri. Ciascun membro (persona fisica) ha diritto a un voto ed ogni associazione a cinque voti. Ogni membro ed ogni associazione aventi diritto al voto ed impossibilitati ad intervenire all'assemblea plenaria possono farsi rappresentare alle votazioni da un membro presente avente diritto al voto che tuttavia non appartenga alla Presidenza o al collegio dei revisori dei conti. La rappresentanza può essere esercitata solo sulla base di una delega scritta. Un membro avente diritto al voto non può rappresentare più di tre membri (persone fisiche) o più di un'associazione.
7.2
L'assemblea plenaria dev'essere convocata almeno una volta all'anno e più precisamente quando la Presidenza ne ravvisa la necessità . L'assemblea plenaria:

  • stabilisce le direttive generali per il successivo anno di attività
  • elegge gli organi, se prossimi alla scadenza
  • approva il consuntivo annuale del precedente anno di attività
  • stabilisce le quote annuali di partecipazione
  • delibera sulle modifiche allo statuto

7.3
L'assemblea plenaria è validamente costituita in prima convocazione con la presenza della metà dei membri aventi diritto al voto o loro delegati. In seconda convocazione l'assemblea plenaria delibera definitivamente a maggioranza di voti, qualunque sia il numero dei membri presenti aventi diritto al voto.
7.4
L'assemblea plenaria decide sostanzialmente a maggioranza di voti. La votazione avviene a scrutinio segreto con scheda di votazione o per alzata di mano se più della metà dei membri presenti aventi diritto al voto esprimono parere favorevole. L'elezione della presidenza e del Presidente avviene comunque a scrutinio segreto.
7.5
Se nel corso di un'assemblea plenaria vengono effettuate delle votazioni, essa sceglie tra i membri presenti, eventualmente anche tra i non aventi diritto al voto, tre scrutatori. Gli scrutatori comunicano al Presidente dell'assemblea plenaria l'esito della votazione.
7.6
La convocazione dell'assemblea plenaria deve avvenire tramite comunicazione scritta e più precisamente un mese (timbro postale) prima della data prefissata. L'avviso deve contenere l'ordine del giorno. Richieste ovvero modifiche ai punti all'ordine del giorno possono essere inoltrate dai membri almeno quindici giorni (timbro postale) prima dell'adunanza. La presidenza decide sulla loro ammissione. Proposte di modifica allo statuto pervenute tre settimane prima della convocazione dell'assemblea plenaria (timbro postale) devono essere messe all'ordine del giorno.
7.7
L'assemblea plenaria è presieduta sostanzialmente dal Presidente ed in caso di suo impedimento dal Vice-Presidente. Con l'accordo della presidenza ogni membro della presidenza può presiedere l'assemblea plenaria. In caso di elezioni oppure mozioni di sfiducia il Presidente viene sostituito da una persona designata dall'assemblea plenaria.
7.8
Il Presidente, la maggioranza della presidenza o almeno un decimo dei membri dell'organizzazione possono richiedere in qualsiasi momento la convocazione di un'assemblea plenaria, purchè venga indicato l'ordine del giorno.

Articolo 8 - La presidenza

8.1
L'organizzazione viene amministrata dalla presidenza, la quale è composta da almeno cinque e massimo nove membri. Essa viene eletta dall'assemblea plenaria tra i suoi membri a scrutinio segreto con votazione diretta. Nel caso uno degli eletti receda dalla carica, i restanti membri della presidenza decidono sulla sostituzione del membro uscente e sottopongono la loro decisione, per l' approvazione, alla successiva assemblea plenaria. Un membro di presidenza che è assente ingiustificato per cinque sedute consecutive decade dalla carica. La presidenza delibera in presenza della maggioranza dei suoi membri a maggioranza di voti.
8.2
La presidenza sceglie tra i suoi rapprasentanti un Vice-Presidente, un segretario ed un tesoriere. La presidenza può consultare, nell'ambito delle sue finalità, dei comitati consultivi senza diritto al voto. Nel caso specifico vengono stabilite esattamente le funzioni di suddetti collaboratori. La presidenza si riunisce almeno cinque volte all'anno.
8.3
La presidenza tra l'altro:

  • stabilisce l'ordine del giorno per l'assemblea plenaria
  • elabora i programmi d'attività, li sottopone all'approvazione dell'assemblea plenaria e vigila sulla loro attuazione
  • esamina e conferma le necessarie e urgenti deliberazioni prese dal suo Presidente
  • delibera sull'eventuale assunzione o impiego di personale, nonchè determina i loro compiti e compensi
  • delibera su iniziative, progetti, programmi e contratti aventi per oggetto la realizzazione degli obiettivi dell'organizzazione e recanti spese per un tetto massimo di Euro 25.822 cadauno
  • predispone il bilancio consuntivo e lo sottopone ai revisori dei conti per l'approvazione da parte dell assemblea plenaria.

8.4
La presidenza può istituire comitati e gruppi di lavoro conferendo a questi funzioni e competenze. Estensione ed articolazione delle competenze saranno registrate in un verbale scritto.

8.5
L'intera presidenza assume responsabilità solidale per i negozi giuridici effettuati. In caso di delibere concernenti questioni finanziarie, singoli membri della presidenza che abbiano manifestato voto contrario o astensione possono venire espressamente svincolati da responsabilità. L'esclusione della responsabilità deve essere registrata in un verbale scritto.

Articolo 9 - Il Presidente

9.1
Il Presidente rappresenta l'organizzazione verso l'esterno ed è il suo rappresentante legale a norma dell'articolo 36, secondo comma, del Codice Civile. Egli convoca le sedute plenarie e le sedute di presidenza, le presiede, attua le delibere della presidenza e svolge tutte le funzioni previste dallo statuto. Egli appone la sua firma a tutti i documenti amministrativi e contabili. Insieme al segretario egli firma i verbali dell'assemblea plenaria e della presidenza, insieme al tesoriere firma gli ordini di pagamento. In caso di assenza o impedimento egli viene sostituito dal Vice-Presidente in tutte le sue mansioni. Il Presidente stabilisce l'ordine del giorno delle sedute di presidenza.
9.2
Il Presidente può prendere in proprio decisioni urgenti senza consultarsi con la presidenza nel caso non sia possibile convocarla per tempo. Il Presidente deve comunicare alla presidenza tali decisioni urgenti nella successiva seduta e queste devono venire registrate nel verbale ad opera del segretario.

Articolo 10 - I revisori dei conti

L'assemblea plenaria elegge tre revisori dei conti effettivi e due sostituti che devono essere membri dell'organizzazione e che controllano l'attività finanziaria della presidenza. Essi rispondono solo davanti all'assemblea plenaria e davanti tale assemblea riunitasi annualmente essi devono dichiarare se sono in grado di assolvere la Presidenza nella sua amministrazione finanziaria. I revisori dei conti possono fare in qualsiasi momento accertamenti sui documenti contabili, sui conti bancari e controllare l'amministrazione dell'organizzazione, devono effettuare almeno semestralmente un controllo e possono partecipare con voto consultivo alle sedute della presidenza. I revisori dei conti elleggono al Ioro interno un Presidente ed un Vice-Presidente.

I revisori dei conti rimangono in carica per tutta la durata della presidenza.

Articolo 11 - La corte arbitrale

La Corte arbitrale si compone di tre membri dell'organizzazione scelti dall'assemblea plenaria. Essi eleggono tra le loro fila un Presidente. La Corte arbitrale si pronuncia a maggioranza di voti in presenza di tutti i suoi componenti. Le sue sentenze sono redatte per iscritto e vengono comunicate all'interessato, nonché alla presidenza e sono definitive per l' organizzazione.

Articolo 12 - Modifiche allo statuto

Il presente statuto può essere modificato solo dall'assemblea plenaria. Un'eventuale modifica allo statuto dev'essere approvata da almeno due terzi di tutti i membri presenti aventi diritto al voto, tenendo conto che in prima convocazione dev'essere presente almeno la metà di tutti i membri aventi diritto al voto, mentre in seconda convocazione l'assemblea plenaria è rappresentata legalmente qualunque sia il numero dei membri presenti aventi diritto al voto. Sono ammesse eventuali rappresentanze.

Articolo 13 - Scioglimento dell'organizzazione

Lo scioglimento dell'organizzazione può essere deciso solo dall' assemblea plenaria a maggioranza assoluta.
In caso di scioglimento il capitale dell'organizzazione viene devoluto, previo adempimento di tutte le obbligazioni pendenti, a enti pubblici o privati che perseguono obiettivi simili a quelli dell'organizzazione. In nessun caso il patrimonio o gli utili derivanti dallo stesso possono essere ripartiti tra i membri.

Articolo 14 - Norme del Codice Civile

Per tutti i casi non previsti dal presente statuto, si applicano le disposizioni vigenti del Codice Civile.

29.05.1990

 

Biblioteca specialistica Un solo mondo

La biblioteca che viene da te

 

-> Catologo online

Orari di apertura (tranne luglio ed agosto):
Lunedì a venerdì: ore 8.30 - 12.30
Lunedì e mercoledì: ore 14.00 - 17.00
 Il nostro box per la restituzione dei libri, nel corridoio davanti alla Biblioteca, rimane comunque sempre accessibile.
Orari di apertura d'estate luglio ed agosto:
Lunedì a venerdì: ore 8.30 - 12.30
(in ferie dal 13 al 24 agosto)

Contatto:
Bibliotecaria: Karin Hochrainer, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Telefono: +39 0472 833950
Via Vintler 34, 39042 Bressanone

 

Che cosa offriamo?

Una vasta scelta di libri, musica e film riguardanti o provenienti da molti Paesi extraeuropei e che affrontano le tematiche più diverse: stili di vita alternativi, economia sostenibile e storie di vita dal Sud globale. Nella nostra biblioteca sono disponibili saggi, materiale formativo, documentazioni di vario genere, pacchetti mediatici per le scuole e, naturalmente, una grande varietà di romanzi e film. 

Per chi?

Per bambini, ragazzi, adulti e per asili, scuole o altre bibilioteche. Soprattutto per i cinefili, la nostra biblioteca è una fonte inesauribile di film che, altrimenti, sarebbero quasi impossibili da trovare.   

Che cosa sono i pacchetti multimediali?

Potete ordinare un pacchetto multimediale, che può contenere fino a 100 pezzi (libri, cd e dvd) e poi potete venire a ritirarlo in biblioteca. Così facendo avrete la possibilità di utilizzare tutti i media in prestito per un periodo di tre mesi e, ovviamente, il prestito può anche essere prolungato. I pacchetti vengono preparati da noi a seconda delle vostre preferenze o della tematica che volete approfondire. 

Che cos'altro offriamo?

Una ricca selezione di materiale metodico-didattico, visite guidate nella biblioteca, ore di lettura ad alta voce. Molti dei nostri progetti promuovono inoltre l'importanza della lettura e ci impegniamo ad offrire la nostra consulenza nell'acquisto di libri sul tema " Un mondo" e nella pianificazione di progetti interdisciplinari.

Temi 

Paesi extraeuropei, politica mondiale, economia mondiale, globalizzazione, sviluppo sostenibile, cooperazione allo sviluppo, commercio equosolidale, migrazione, rifugiati, interculturalità, razzismo e discriminazione, pace ed educazione alla pace, gestione dei conflitti, diritti umani, minoranze e popoli minacciati.

Consumo consapevole

Chi, come noi, vive nel nord del mondo consuma molto più di quello che il nostro pianeta può produrre: per questo la richiesta di risorse naturali cresce continuamente, mettendo a rischio l’equilibrio dell’intero ecosistema. La crisi economica globale che stiamo vivendo è un primo segnale dell’insostenibilità dei nostri consumi e costringerà noi e le generazioni future ad adottare un modo di pensare e di vivere più responsabile e attento alla collettività.

Ogni singolo individuo è parte della grande comunità umana globale che abita l’unico pianeta che abbiamo: ognuno di noi ha quindi la possibilità e la responsabilità di fare gesti concreti in una nuova direzione. Per questo l’oew mira alla sostenibilità ecologica e all’equità sociale, crea la consapevolezza che alimenta circoli virtuosi di gesti equi a livello locale e globale e sostiene il “buen vivir”.

Cooperazione internazionale

Fiducia, rispetto, comprensione reciproca, dialogo costante e piena partecipazione di tutti i gruppi coinvolti sono gli ingredienti dell’oew per la riuscita dei progetti di cooperazione in Sudamerica, Asia e Africa.

I progetti riguardano soprattutto l’educazione di donne e bambini e l’assistenza a persone disabili o in difficoltà e vengono organizzati sulle reali necessità dei paesi partner e della loro popolazione.

miteinander-insieme-together

La società altoatesina è da sempre stata molto varia. Oggi tuttavia essa acquista ulteriori sfaccettature grazie ad altre culture e stili di vita che mettono tutti noi di fronte a sfide tipiche di una società moderna, di respiro internazionale e al passo con i tempi. Pensando alle generazioni future, è di basiliare importanza fare fin d’ora gesti concreti in questa direzione.

Crediamo che per una buona convivenza sia importante portare in primo piano ciò che unisce, piuttosto che ciò che divide. Crediamo anche che sia importante rafforzare la propria identità senza ignorare paure e pregiudizi ma anzi affrontandoli con domande critiche, esperienze e contatti con gli “altri”, per arrivare a prendere coscienza delle differenze e rifiutare le discriminazioni.

In stretta collaborazione con la Casa della Solidarietà (CdS), l’oew vuole farsi motore di questo processo e mettere concretamente insieme le parole con i fatti.

Impressum

Privacy

Im Sinne des Gesetzvertretenden Dekrets Nr. 196/2003, nimmt der User zur Kenntnis, dass seine Daten bei seiner Anfrage und/oder Buchung für die Bearbeitung sowie für Werbung und/oder andere Informationen über unsere Aktivitäten oder unserer Partner verwendet werden können. 
Die Daten werden in schriftlicher Form und/oder mit magnetischer/elektronischer Hilfe und unter Einhaltung aller Sicherheitsmaßnahmen, die deren Sicherheit und Geheimhaltung gewährleisten, behandelt. Inhaber der Datenverarbeitung ist oew Brixen. Der Betroffene kann seine Daten jederzeit kontrollieren, berichtigen, ergänzen oder löschen, indem er an oew, Vintler Weg 34, I-39042 Brixen oder an Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. schreibt.
 
I Suoi dati sono trattati ai sensi e nel rispetto del D. Lgs. 196/2003 per gestire la Sua richiesta di informazioni al fine di fornirLe le indicazioni a riguardo nonchè per inviarLe promozioni e/o altre informazioni riguardanti le nostre attività o dei nostri partner. I Suoi dati verranno trattati in forma scritta e/o supporto magnetico/elettronico e con l'osservanza di ogni misura cautelativa della sicurezza e riservatezza prevista dalla normativa vigente. 
Titolare del trattamento è oew Bressanone. In qualsiasi momento potrá consultare, rettificare, aggiornare o cancellare i suoi dati scrivendo a oew, Via Vintler, 34, I-39042 Bressanone, indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

E-Mail-Nachrichten
Mitteilungen, die per E-Mail vom Absender oew verschickt werden, sind einschließlich aller Anlagen vertraulich. Die unbefugte Verwendung dieser Mitteilungen ist laut D.Lgs Nr. 196/2003 verboten und könnte strafrechtlich verfolgt werden. Wer eine Mitteilung dieser Art irrtümlicherweise erhält, wird gebeten, den Absender umgehend zu informieren und die Nachricht samt ihrer eventuellen Anlagen zu löschen.
 
Messaggi di posta elettronica
Messaggi di posta elettronica e relativi allegati provenienti dal mittente oew contengono informazioni strettamente riservate e destinate esclusivamente al destinatario, il quale è l'unico autorizzato ad usarli. La diffusione o copia illecita della comunicazione è vietata secondo il D.Lgs. Nr. 196/2003. Chi riceve un messaggio per errore é pregato di informare immediatamente il mittente e di cancellare il contenuto, incluso tutti gli eventuali allegati.
 

© Copyright oew Brixen | Bressanone

Vintler Weg 34 | Via Vintler 34
I-39042 Brixen | Bressanone (BZ)

Tel. +39 0472 833950
Fax +39 0472 838133

E-Mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Website www.oew.org

St.Nr. | c.f. 90009830218

 

© Design, Realisierung | Realizzazione

alias idee+form

Eisackstr. 1 | Via Isarco 1
I-39040 Vahrn | Varna (BZ)

Tel. +39 0472 970240
Fax +39 0472 970241

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.alias-grafik.com

MwSt-Nr. | P.IVA 02466130214

 

Was sind Cookies?

Cookies sind kleine Textdateien, die auf Ihrem Computer abgelegt werden, wenn Sie bestimmte Websites besuchen.
Wir verwenden Cookies für die Website und -Subdomains – wobei wir den Benutzer um seine Zustimmung bitten, wo dies ausdrücklich per Gesetz oder anderen einschlägigen Bestimmungen verlangt wird –, um dem Benutzer das Navigieren zu erleichtern und die an den Benutzer übermittelten Informationen zu personalisieren. Wir verwenden darüber hinaus entsprechende Systeme, um Informationen über den Benutzer zu sammeln, wie zum Beispiel seine IP-Adresse, den verwendeten Browser und das Betriebssystem und/oder von einem Benutzer besuchte Websites für Sicherheits- und Statistikzwecke.
Wenn Sie entscheiden, Cookies zu deaktivieren oder abzulehnen, können Sie auf einige Teile der Website und mit ihr verbundener Subdomains möglicherweise nicht zugreifen oder sie funktionieren nicht ordnungsgemäß.
Um eine vollständige und problemlose Nutzung dieser Website zu gewährleisten, sollten Sie Ihren Browser so einrichten, dass er diese Cookies akzeptiert. Die Cookies stellen für Ihren Computer, Ihr Tablet oder Ihr Smartphone keine Gefahr dar. Die von www.oew.org erzeugten Cookies enthalten keine personenbezogenen Informationen, die zur Identifizierung des Benutzers verwendet werden können, sondern nur verschlüsselte Daten.

DieWebsite und mit ihr verbundene Subdomains verwenden die folgenden Arten von Cookies:

Navigationscookies
Diese Cookies ermöglichen die Navigation auf der Website und die Nutzung ihrer Funktionen. Ohne Cookies können Sie möglicherweise nicht auf diese Funktionen zugreifen oder sie funktionieren nicht ordnungsgemäß.
Die absolut nötigen Cookies dienen dazu, eine Kennung zu speichern, sodass wir jeden Benutzer eindeutig identifizieren und einen einheitlichen und genau abgestimmten Dienst bereitstellen können.

Leistungscookies
Diese Cookies können von uns selbst oder von einem unserer Partner stammen; es kann sich dabei um Sitzungscookies oder um permanente Cookies handeln. Sie dienen nur der Website-Performance und Verbesserung. Diese Cookies sammeln keine Informationen, mit denen der Benutzer identifiziert werden kann. Alle Informationen, die mithilfe dieser Cookies gesammelt werden, werden in anonymer Form zusammengefasst und nur zur Verbesserung der Funktionalität der Website genutzt

Funktionscookies
Cookies werden normalerweise infolge einer Handlung des Benutzers auf seinem Computer abgelegt, jedoch können sie auch empfangen werden, wenn dem Benutzer ein Dienst angeboten wird, ohne dass dieser ausdrücklich angefordert wurde. Sie können dazu dienen zu verhindern, dass derselbe Dienst demselben Benutzer mehr als einmal angeboten wird. Darüber hinaus ermöglichen diese Cookies der Website, Entscheidungen des Benutzers nachzuhalten. Die von diesen Cookies gesammelten Informationen sind anonym und können nicht dazu verwendet werden, das Verhalten des Benutzers auf anderen Websites zu beurteilen.

Cookies von Dritten für Marketing-/Retargetingzwecke
Diese Cookies werden von Partnern von www.oew.org eingesetzt, um unsere Werbung einzublenden, wenn Sie andere Websites besuchen, und zum Beispiel die Produkte anzuzeigen, die Sie sich zuletzt auf unserer Website angesehen haben. Diese Cookies können auch dazu verwendet werden, Produkte zu zeigen, die Sie möglicherweise interessieren oder die anderen Produkten ähneln, die Sie sich zuvor angesehen haben. Diese Cookies sind nicht mit der Verarbeitung personenbezogener Informationen verbunden, können aber den Zugriff auf den Browser ermöglichen, der auf Ihrem Computer oder anderen Geräten installiert ist.

Cookies deaktivieren
Datenschutzgesetze geben Benutzern die Möglichkeit, Cookies zu deaktivieren („opt out“), die bereits auf ihrem Gerät installiert sind. Diese Option gilt für „technische Cookies“ (Art. 122 des italienischen Datenschutzgesetzes) und andere Cookies, die der Benutzer zuvor akzeptiert („opt in“) hat. Der Benutzer kann Cookies anhand von Browsereinstellungen deaktivieren und/oder löschen („opt out“) 

So deaktivieren Sie Cookies:

Internet Explorer
Blockieren oder Zulassen aller Cookies
1. Öffnen Sie Internet Explorer, indem Sie auf die Schaltfläche Start klicken und dann auf Internet Explorer klicken.
2. Klicken Sie auf die Schaltfläche Extras und dann auf Internetoptionen.
3. Klicken Sie auf die Registerkarte Datenschutz, und verschieben Sie dann unter Einstellungen den Schiebregler nach oben, um alle Cookies zu blockieren, oder nach unten, um alle zuzulassen. Klicken Sie anschließend auf OK.
Das Blockieren von Cookies kann dazu führen, dass manche Webseiten nicht korrekt angezeigt werden.

Firefox
Um die Cookies aller Websites zu blockieren, gehen Sie wie folgt vor:
1. Klicken Sie auf die Menüschaltfläche und wählen Sie Einstellungen.
2. Gehen Sie zum Abschnitt Datenschutz.
3. Setzen Sie die Auswahlliste neben Firefox wird eine Chronik: auf nach benutzerdefinierten Einstellungen anlegen.
4. Entfernen Sie das Häkchen bei Cookies akzeptieren. Klicken sie auf OK.

Google Chrome
1. Wählen Sie das Chrome-Menüsymbol aus.
2. Wählen Sie Einstellungen aus.
3. Wählen Sie unten auf der Seite Erweiterte Einstellungen anzeigen aus.
4. Wählen Sie im Abschnitt "Datenschutz" die Option Inhaltseinstellungen aus.
5. Wählen Sie Speicherung von Daten für alle Websites blockieren aus.
6. Wählen Sie Fertig aus.


Einzelne nicht technische Cookies von Dritten können vom Benutzer auch deaktiviert und/oder gelöscht werden, wie auf der Website der European Interactive Digital Advertising Alliance erklärt wird: www.youronlinechoices.eu.

 

Cosa sono i cookie?

I cookie sono piccoli file di testo che vengono salvati sul tuo computer quando visiti determinati siti internet.

Per il sito www.oew.org e relativi sotto-domini utilizziamo cookie, chiedendone il consenso all'utente ove la legge o i regolamenti applicabili lo prevedano, per agevolare la navigazione e personalizzare le informazioni rivolte all’utente. Utilizziamo inoltre sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti, quali ad esempio indirizzo IP, tipo di browser e sistema operativo utilizzato e/o pagine web visitate da un utente, per finalità statistiche o di sicurezza.
Ti informiamo che se deciderai di disabilitare o rifiutare i cookie alcune parti del sito relativi sotto-domini potrebbero essere inaccessibili o non funzionare correttamente.
Pertanto per un utilizzo agevolato e completo di questo sito sarebbe opportuno che l’utente configurasse il proprio browser in modo che accetti la ricezione di tali cookie.
I cookie non sono dannosi per il tuo computer, tablet o smartphone. Nei cookies generati dal sito, non vengono conservate informazioni identificative personali ma solo informazioni criptate.

Il sito www.oew.org e relativi sotto-domini utilizzano i seguenti cookie:

Cookie di navigazione
Questi cookie sono fondamentali per permetterti di navigare sul sito ed utilizzare le sue funzionalità. Senza cookie è possibile che alcune funzionalità non siano accessibili o non funzionino correttamente.
I cookie strettamente necessari sono utilizzati per memorizzare un identificatore al fine di individuare l'utente in modo unico rispetto ad altri utenti, in modo da fornire all'utente un servizio coerente e preciso.

Performance cookie
Questi cookie possono essere nostri o di partner, di sessione o persistenti. Il loro utilizzo è limitato alla performance e al miglioramento del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookie sono aggregate in forma anonima e sono utilizzate solo per migliorare la funzionalità del sito.

Cookie funzionali
I cookie solitamente sono conseguenti ad un'azione dell'utente, ma possono essere anche implementati nella fornitura di un servizio, non esplicitamente richiesto, ma offerto all'utente. Possono essere inoltre utilizzati per evitare di offrire nuovamente ad uno specifico utente un servizio già proposto. Inoltre, questi cookie permettono al sito di tenere traccia delle scelte dell'utente. Le informazioni raccolte da questi cookies sono anonime e non possono ricondurre il comportamento dell'utente su altri siti.

Cookie di terze parti per marketing/retargeting
Questi cookie sono utilizzati da partner del sito www.oew.org, al fine di proporre nostri messaggi pubblicitari quando visiti altri siti, mostrando ad esempio gli ultimi prodotti che hai visualizzato sul sito. Questi cookie possono essere utilizzati anche per mostrare prodotti che potrebbero interessarti o simili a quelli che hai visualizzato precedentemente. L'uso di questi cookie non implica il trattamento di dati personali, ma può consentire la connessione al browser installato sul tuo computer o su altri dispositivi utilizzati durante la navigazione.

Come disabilitare i cookie
Le norme sulla protezione dei dati personali prevedono che l’utente possa disabilitare cookie già somministrati(“opt-out”).L’opt-out è previsto per i cd. “cookie tecnici” (art.122 del Codice della Privacy),nonché per i cookies che non rientrino tra i “cookie tecnici”precedentemente accettati(“opt in”)dall’utente.

Come disabilitare i cookie nei vari browser:
Internet Explorer
1. Per aprire Internet Explorer, fare clic sul pulsante Start. Nella casella di ricerca digitare Internet Explorer e quindi nell'elenco dei risultati fare clic su Internet Explorer.
2. Fare clic sul pulsante Strumenti e quindi su Opzioni Internet.
3. Fare clic sulla scheda Privacy e in Impostazioni spostare il dispositivo di scorrimento verso l'alto per bloccare tutti i cookie oppure verso il basso per consentirli tutti e quindi fare clic su OK.
Il blocco dei cookie potrebbe impedire la corretta visualizzazione di alcune pagine Web.

Firefox
Per impostare Firefox in modo tale che possa bloccare i cookie di tutti i siti web:
1. Fare clic sul pulsante dei menu e selezionare Opzioni.
2. Selezionare il pannello Privacy.
3. Alla voce Impostazioni cronologia selezionare l'opzione utilizza impostazioni personalizzate.
4. Rimuovere il contrassegno da Accetta i cookie dai siti.
5. Fare clic su OK per chiudere la finestra delle opzioni.

Google Chrome
1. Seleziona l'icona del menu Chrome .
2. Seleziona Impostazioni.
3. Nella parte inferiore della pagina, seleziona Mostra impostazioni avanzate.
4. Nella sezione "Privacy", seleziona Impostazioni contenuti.
5. Seleziona Impedisci ai siti di impostare dati.
6. Seleziona Fine.


In forza di tale distinzione,l’utente potrà procedere alla disabilitazione e/o cancellazione dei cookie(“opt-out”) mediante le relative impostazioni del proprio browser e alla disabilitazione e/o cancellazione dei singoli cookie non “tecnici”somministrati dalle terze parti accedendo al sito web gestito da European Interactive Digital Advertising Alliance(EDAA)all’indirizzo www.youronlinechoices.eu

 

Abbonamento al nostro mensile newsletter:
Indirizzo Email

Powered by Spearhead Software Labs Joomla Facebook Like Button