Un appello per l’istituzione di un ufficio contro le discriminazioni

­­­Il 29 aprile rappresentanti di 27 organizzazioni hanno consegnato al presidente del consiglio provinciale Josef Noggler un appello per la creazione di un ufficio contro le discriminazioni in Alto Adige. Matthäus Kircher dell’oew-Organizzazione per Un mondo solidale sottolinea: “Noggler ha confermato che l’istituzione di un ufficio antidiscriminazione è la sua massima priorità.“

A livello nazionale l’UNAR, Ufficio Nazionale Antidiscriminazioni Razziali, si prende carico dei più disparati casi di discriminazione e, inoltre, offre anche un importante lavoro di sensibilizzazione al riguardo. Nella nostra Provincia, invece, un ufficio del genere non esiste ancora. A questo proposito, sono state 27 le associazioni altoatesine a firmare un appello affinché, un organismo simile, possa finalmente essere istituito. Il documento, nato nell’ambito delle settimane d’azione contro il razzismo “Stop Racism!” è stato consegnato al presidente del consiglio provinciale Noggler. Con questo appello le associazioni vogliono richiamare la politica locale ad attuare la legge provinciale del 2014, che già aveva previsto l’istituzione di un ufficio antidiscriminazione.

Lo sportello, stando alla proposta delle associazioni, dovrebbe essere provinciale e prendersi carico di diversi tipi di discriminazione – come quella su base etnica, religiosa, a causa di disabilità corporee o mentali, ma anche di quella a causa dell’età,  dell’orientamento sessuale o delle opinioni personali. La collaborazione con le diverse associazioni in Alto Adige dovrebbe essere costante e, tra i compiti primari dell’ufficio, dovrebbero esserci la raccolta e la registrazione dei casi di discriminazione, la protezione delle persone coinvolte e la sensibilizzazione dei cittadini e delle cittadine.

Ecco l‘ Appello al consiglio provinciale in italiano e in tedesco: Aufruf Antidiskriminierungsstelle.

Leggete l’articolo su salto.bz: https://www.salto.bz/de/article/30042019/appell-der-helfer