logotype

Il giornale di strada per l'Alto Adige


Sulle zebre vicino alla stazione, davanti al panificio, ai piedi del duomo – i venditori della oew invadono le strade della regione per distribuire “Zebra. Il giornale di strada per l’Alto Adige.“ Come in tante città europee, anche in Alto Adige il giornale di strada viene venduto da persone che attraversano momenti difficili. Si parte dai grandi centri come Bolzano, Merano, Brunico e Bressanone fino a giungere anche nei paesi più piccoli. I venditori sono facilmente riconoscibili grazie a degli appositi tesserini e vendono i giornali a due Euro l'uno. Un Euro va nella produzione, l’altro rimane a chi li vende. La vendita dei giornali, infatti, non si configura come accattonaggio, anzi: rappresenta una piccola fonte di guadagno, offre ai venditori un primo accesso al mondo del lavoro e stimola il contatto con la gente.

“Zebra” promuove un modello economico innovativo nel panorama nostrano dell’informazione. Progetti simili come ad esempio lo “Zwanziger” in Tirolo del Nord o “Piazza Grande” a Bologna, hanno dimostrato che impegno sociale e giornalismo critico si sposano alla perfezione. La giovane e variopinta redazione di “Zebra”, composta maggiormente da volontari, affronta criticamente temi sociali in brevi articoli in italiano o in tedesco per informare su nuovi punti di vista, ma anche e soprattutto per intrattenere. Il tutto per offrire uno spaccato della convivenza in Alto Adige, tematizzare contesti globali e puntare a un nuovo pensiero sostenibile nella nostra società.

 

Che cos’è zebra.Support?

Da quasi quattro anni il giornale di strada zebra. si propone di aiutare molte di quelle persone con serie difficoltà ad entrare nel mondo del lavoro, offrendo loro un’opportunità di guadagno e una piccola occupazione. Più di 60 donne e uomini, tra i 18 e i 66 anni, sono attualmente registrati come venditrici e venditori di zebra. Vengono dai luoghi più diversi: Nigeria, Romania, Marocco, Bangladesh, India, Liberia, Etiopia, Bulgaria, Burkina Faso, Germania, Guinea Bissau,  Iran, Italia, Moldavia, Pakistan, Somalia e Alto Adige. Sono riconoscibili grazie al loro tesserino e sono attivi giorno per giorno in tutta l’Alto Adige, dove vendono il nostro giornale al prezzo di 2 euro: un euro serve per la produzione, l’altro rimane a loro. Tra i venditori e le venditrici di zebra. sono in continuo aumento i rifugiati e i richiedenti asilo, ormai in netta maggioranza. Malgrado abbiano l’opportunità di guadagnare qualche soldo grazie alla vendita del giornale, si trovano tuttavia in uno stato di forte incertezza e precarietà esistenziale. Proprio per provare a risolvere situazioni di questo tipo è nata l’idea del progetto zebra.Support. L’obiettivo è offrire un aiuto ai venditori e alle venditrici in situazioni di emergenza attraverso misure concrete.

L’azione dell’oew verterà su livelli differenti e sono stati sviluppati tre “pacchetti“ attraverso i quali poter facilitare l’ingresso nel mercato del lavoro locale: zebra.Help offre un aiuto semplice e veloce per chi si trova in una situazione di emergenza, zebra.Academy promuove la formazione e l’integrazione nel mondo del lavoro, e con zebra.Understandingsarà possibile creare una coscienza pubblica, informando la popolazione tramite campagne e workshop.

Donazioni:
Raiffeisenkasse Valle Isarco/Bressanone
Iban: IT 68 S 08307 58221 000300004707

Cassa di Risparmio Bressanone
Iban: IT 93 H060 4558 2200 0000 5004 219 

Causale bonifico: zebra.Support

 

Per scrivere 

Poco importano la tua età, la tua madrelingua o la tua provenienza... la nostra redazione accoglie tutti! Chiunque abbia voglia di collaborare al nostro giornale può inviarci un suo testo di prova o idee per un articolo alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.. Attenzione però, la nostra redazione chiude un numero un mese prima della sua pubblicazione e gli articoli quindi vengono distribuiti con qualche settimana di anticipo. Se hai voglia di scrivere, noi siamo qui! 

 

Per vendere

I venditori del nostro giornale sono il volto della nostra organizzazione sulla strada. Chiunque voglia vendere il nostro giornale, può acquistarlo al prezzo di 1 euro e poi venderlo per tutta l'Alto Adige al costo di 2 euro.

I venditori dello zebra. sono sempre muniti di un documento, un tesserino, su cui il numero di registrazione deve essere ben visibile. Senza questo tesserino, non può essere venduto nessun giornale. Può capitare che insorgano problemi o fraintendimenti, una parola sbagliata al momento sbagliato e la vendita può non andare a buon fine. Situazioni del genere richiedono quindi pazienza, rispetto e comprensione. Nel caso ci fossero domande, critiche o commenti ci trovate sempre disponibili al confronto e all'ascolto. Il nostro collaboratore Alessio Giordano sarà a vostra disposizione al numero +39 334 1216413  o alla mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Per abbonarsi

Dal 2016 lo zebra. è diventato un giornale mensile (con eccezione delle doppie edizioni di luglio/agosto e dicembre/gennaio).
Ci si può abbonare e sostenere il giornale per la durata di un anno in qualità di Amico*a (30 euro) o di Promotore*trice (da 40 euro).
Per il pagamento, effettuate un bonifico sul nostro conto corrente:

IBAN: IT 68 S 08307 5821 000300004704  (Raiffeisenkasse Eisacktal - Valle Isarco)

IBAN: IT 93 H060 4558 2200 0000 5004 219 ( Südtiroler Sparkasse Brixen - Bressanone)

Causale : zebra.abo

Vi invitiamo inoltre ad inviare i vostri dati a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o a chiamare il numero 0472833950 !

 

 

Abbonamento al nostro mensile newsletter:
Indirizzo Email

Powered by Spearhead Software Labs Joomla Facebook Like Button